Un soddisfatto Occhiuzzi si presenta davanti alla stampa dopo il prezioso pareggio rimediato in iinferiorità numerica contro il Pordenone di Attilio Tesser; un rigore sbagliato per i neroverdi ed un occasione per il Cosenza con Bittante, uscito per infortunio al minuto 61'. Falcone uomo match, ma soprattutto un Cosenza che dimostra compattezza e voglia di seguire i dettami, non solo tattici, di un allenatore che se la gioca da predestinato.

Le parole di mister Occhiuzzi: 

'Penso che i ragazzi siano stati fantastici, volevo che si lavorasse nella difficoltà, stringendoci ed andando oltre gli episodi ed oltre a tutto; lo hanno fatto.Siamo un gruppo unito e tosto, sappiamo soffrire e vogliamo sempre comandare la gara, cosa fatta bene per venti minuti, di più non avremmo potuto fare; in alcune posizioni non avevamo giocatori di ruolo e quindi il nostro solito gioco non siamo riusciti a farlo e dopo il primi venti di gara ci hanno messo sotto; abbiamo sofferto e ribattuto difendendoci in modo compatto, siamo un corpo unico.

UN COSENZA CHE HA FATTO DI NECESSITÀ VIRTÙ, ANCHE OGGI.

'Per forza di cose dovevamo cercare l'attacco verticale con Carretta che, fin quando ne ha avuto, potevamo attaccare alle spalle di uno dei due centrali e tirarli fuori. In mezzo eravamo molto stanchi, l'idea era quelli di costruire sul braccetto di destra o sinistra , fare a alzare il quinto e giocare su Carretta o con Vera o con Bittante che poi, sfortunatamente è uscito; dobbiamo valutare come sta perchè spero non sia un infortunio grave'.

'Abbiamo dovuto giocare con gli attaccanti in posizione di mezz'ala rimanendo in dieci e lo abbiamo fatto bene, soprattutto difendendo; complimenti ai ragazzi'.

SULLA TANTO ATTESA PRIMA AFFERMAZIONE CASALINGA.

'Mi fa rabbia aver rinviato la prima vittoria interna, ma pensiamo alla partita di oggi. Complimenti ai ragazzi per aver conquistato un buon punto contro una squadra forte ed allenata bene. Pensiamo a ricaricare le pile per la prossima giornata contro una diretta concorrente'.

SUL RIGORE CONTRO, POI SBAGLIATO DA DIAW.

'Io non ho visto l'immagine, l'avete vista ed analizzata voi, anche in altre gare ed altre situazioni. Io devo pensare a fare bene il mio lavoro, dispiace se qualche episodio ci va contro'.

SULLA PARTITA DI CORSI.

'Angelo era concentratissimo, stava facendo una gara eccezionale, una diga, pur non facendo questo ruolo da una vita L'espulsione la devo rivedere, sembrerebbe con la gamba un po' alta ma mi dicono che non ha toccato l'avversario'.

...E SU SU BA.

'Non voglio parlare dei singoli, ma parlando di Ba so quanto valore e cuore ha questo ragazzo e quanto ha sofferto per i suoi errori ed oggi è l'emblema della gara; ha sempre una grossa considerazione, ha un carattere particolare e deve stare tranquillo, stare sul pezzo e non innervosirsi'.

Sezione: Primo piano / Data: Sab 23 gennaio 2021 alle 17:52
Autore: Luigi Martino
Vedi letture
Print