Il Catanzaro si è messo alle spalle il momento più delicato della stagione, la svolta a sorpresa di Avellino ha consentito al tecnico Antonio Calabro di poter continuare a lavorare sulle proprie idee, continuando a far crescere il progetto in sinergia totale con il direttore generale Diego Foresti e il direttore sportivo Massimo Cerri. Il prossimo match potrebbe realmente rappresentare uno spartiacque fondamentale per il definitivo salto di qualità, potendo eventualmente sognare qualcosa in più del piazzamento play-off.

Toh, chi si rivede: il destino rimetterà di fronte l'uno contro l'altro, le Aquile e l'ex tecnico Gaetano Auteri. Ma cosa è rimasto davvero dell'era Auteri in questa squadra? Poco, probabilmente nulla. La ricerca smisurata dello spettacolo ha lasciato spazio alla razionalità e al cinismo dell'era Calabro. Le caratteristiche offensive di determinati calciatori restano, per un modo diverso di approcciarsi alla gara. Ripartire dal passato per preparare un futuro che può regalare al nuovo Catanzaro uno slancio improvviso...

Sezione: Primo piano / Data: Lun 23 novembre 2020 alle 14:09
Autore: Attilio Malena / Twitter: @attiliomalena
Vedi letture
Print