L'ex Rende, Momo Laribi ai microfoni de Il Giornale ha spiegato l'attuale situazione che molti calciatori di terza serie vivono: "Per anni ho giocato in D a 700 euro al mese e dopo gli allenamenti facevo il cameriere. Tanti sacrifici e doppio lavoro, sognando di arrivare in alto col pallone. Purtroppo a Caserta la crisi economica ha avuto impatti fortissimi sulle attività del presidente, che non ha potuto mantenere gli impegni per gli stipendi di gennaio e febbraio. Ecco perché il taglio degli emolumenti sarebbe drammatico per tanti di noi. Molti guadagnano tra i 1200 e i 2000 euro al mese, viviamo in 3-4 in appartamento e tra affitto, mangiare e rate della macchina se ne vanno gran parte dei guadagni. A fine mese riesco a mettere via solo 200-300 euro. Sarebbe dura mantenersi, se non dovessimo vedere più un euro da qui a fine stagione. Iniziamo ad avere timore per il nostro futuro. L'AIC deve darci una mano".

Sezione: Rende / Data: Ven 03 aprile 2020 alle 12:25
Autore: Attilio Malena / Twitter: @attiliomalena
Vedi letture
Print