In esclusiva ai nostri microfoni, Francesco Baldini, ex difensore di Reggina e Napoli, oggi allenatore. Nel corso dell’intervista, il tecnico di Massa ha analizzato l’andamento di questa prima parte del campionato di Serie B, oltre a quanto finora fatto dalle due calabresi Reggina e Cosenza. In particolare, Baldini ha voluto ricordare il suo anno vissuto a Reggio Calabria, dove ha contribuito alla conquista della Serie A  da parte degli amaranto nella stagione 2001/2002.

Salve mister, che idea si è fatto di questa prima parte del campionato di Serie B ?

‘ La Serie B è un campionato lungo e molto tosto da affrontare. Vedo molto bene Empoli e Chievo, piacevole sorpresa il Venezia, squadra ben allenata che rispetto allo scorso anno si è migliorata tantissimo. Lecce e Spal sono partite un po’ ritardo ma diranno la loro, mentre il Frosinone sembra proseguire nello stesso trend dello scorso anno nonostante abbia una buona rosa e un tecnico preparato. C’è da dire che guardando la classifica, le prime sei hanno  disputato finora tutte le gare, quindi significa che il campionato sta esprimendo un dato veritiero sui valori di queste squadre. Riguardo la zona retrocessione, mi aspettavo molto di più dalla Cremonese dopo la salvezza sofferta dello scorso anno. Stesso discorso vale per il Pescara, anche loro come i lombardi devono iniziare a fare un filotto di risultati per rimettersi in corsa . Bisogna considerare l’assenza del pubblico sugli spalti, di questo ne risentono fortemente le formazioni del sud che fanno delle proprie tifoserie l’arma in più’.

Riguardo Reggina e Cosenza, qual è il suo giudizio ?

‘ La Reggina ha qualità, bisogna considerare che ha cambiato molto rispetto allo scorso anno, quindi serve il tempo necessario per vedere fruttare i risultati sperati. Ritengo che la Reggina ha tutte le carte in regola, per fare un campionato da protagonista. Il Cosenza è stata costruita per lottare fino alla fine per il suo obiettivo.  Dopo la salvezza miracolosa dello scorso anno, è una squadra che ha una sua identità ben precisa datagli dal suo allenatore e rispetto alle altre dirette concorrenti mi sembra anche più quadrata. Entrambe hanno l’obbligo di ritrovare la vittoria già da questo turno ‘.

Nel corso della tua importante carriera da calciatore, hai militato per una stagione alla Reggina, contribuendo al ritorno in A degli amaranto. Quali ricordi conservi di quell’annata vissuta a Reggio Calabria ?

‘E’ stata un’annata fantastica, abbiamo vinto il campionato, con un Granillo sempre gremito oltre che un tifo fantastico. Sono rimasto molto legato a Reggio Calabria, quando posso torno sempre  a trovare i vecchi amici ‘.

Sezione: Primo piano / Data: Ven 20 novembre 2020 alle 09:00
Autore: Rocco Calandruccio
Vedi letture
Print