Nel prossimo weekend ripartirà il campionato con il Cosenza impegnato in una bagarre salvezza sempre più disperata. Rimangono a disposizione quattro gare e, fino a quando, la matematica non condannerà la formazione rossoblù l’imperativo categorico è quello di provarci, nell’intento di riuscire a bissare l’impresa epica dello scorso torneo, anche se quest’anno le cose sembrano essere tremendamente molto più complicate. I lupi proveranno ad invertire l’ultimo trend di tre ko consecutivi che, al momento, vogliono significare retrocessione diretta in Lega Pro. Ci sono 360 minuti da giocare e s’inizia col primo avversario, il Pescara, reduce dall’inutile pari interno contro l’Entella nel recupero disputatosi in settimana, che ha ridotto notevolmente le già flebili speranze di salvezza degli abruzzesi.

Al “Marulla” contro i biancoazzuri di Grassadonia sarà necessario proferire in campo rabbia e convinzione, con l’auspicio che la sosta forzata del campionato, abbia fatto recuperare agli uomini di Occhiuzzi tali qualità smarrite nelle precedenti uscite. Ancora nulla è perduto, ma se si vuole continuare a cullare questo sogno servirà dare il massimo, così come chiesto dal Presidente Guarascio, presente alla seduta di allenamento per motivare la squadra prima di un match vitale, per dare un senso alle successive partite. Per novanta minuti che valgono la serie B.

Sezione: Cosenza / Data: Gio 29 aprile 2021 alle 17:30
Autore: Antonio Spina
Vedi letture
Print